Prevenzione incidenti domestici nei bambini

Gli incidenti domestici rappresentano il 60% degli incidenti che coinvolgono i bambini nella fascia 0-4 anni con conseguenze spesso molto gravi. Si tratta di un problema di sanità pubblica frequentemente sottostimato dagli adulti.

Il reddito, i beni e i servizi, le condizioni di vita povere, l'emarginazione, la condizione abitativa, le condizioni igienico-sanitarie, il sovraffollamento, la giovane età materna, la famiglia monogenitoriale e un basso livello educativo materno sono fattori che possono concorrere a generare disuguaglianze. La presenza di popolazione straniera e le considerazioni sulla vulnerabilità della salute in determinati gruppi di popolazione confermano l'importanza di adattare i programmi di prevenzione degli incidenti domestici (così come in generale gli interventi di promozione alla salute) alla diversità con la quale oggi ci confrontiamo. Questa diversità deve essere considerata in termini di stili di vita, di codici di rappresentazione e di sistema di valori, che costituiscono fattori condizionanti i comportamenti che influenzano la salute, la percezione delle informazioni e la possibilità di raggiungere la popolazione migrante, o le persone appartenenti ad altri gruppi vulnerabili di popolazione (Network Italiano per la Evidence Based Prevention, La prevenzione degli incidenti domestici in età infantile, Istituto Superiore di Sanità, Ministero della Salute 2017).  

Per questo motivo, l’Azienda USL di Parma, nell'ambito del progetto I.C.A.R.E., ha realizzato video multilingue da utilizzare per incontri formativi e informativi rivolti ai genitori, che siano fruibili ed efficaci indipendentemente dal paese di provenienza, dal livello socio culturale e dalla conoscenza della lingua italiana.

Video Italiano

 












Il Progetto I.C.A.R.E. pone particolare attenzione all’educazione alla salute e ai sani stili di vita. Tra questi, la sana alimentazione gioca un ruolo fondamentale a garanzia del benessere dei singoli e di tutta la comunità. Un’alimentazione varia ed equilibrata è infatti alla base di una vita in salute. Il presente opuscolo, tratto da “ Alimentazione è prevenzione ”, scritto con un linguaggio accessibile, si pone l’obiettivo di essere uno strumento di semplice utilizzo per orientare verso le scelte migliori in tema di alimentazione.
Si ringrazia l’Azienda USL di Bologna per la gentile concessione.

 
 

 

Sulla base dei principi della sana alimentazione sono state ideate e realizzate le ricette sottoriportate declinate nella cultura alimentare della cucina araba per favorirne la diffusione nei laboratori di sana alimentazione

 
 
 
 
 
 

 

Con l’emergenza Covid-19 e le disposizioni contenute
nei DPCM emanati, molti servizi del nostro sistema di welfare hanno sospeso le
proprie attività, ma molti altri, invece, hanno continuato ad operare, 
modificando rapidamente  la propria
offerta di servizi e impegnandosi per assicurare servizi essenziali ai
cittadini e alle comunità in cui operano, ponendo particolare attenzione alle
fasce più deboli della popolazione. 
La Regione Emilia-Romagna, in collaborazione
con ART-ER e la Scuola IRS per il Sociale, ha realizzato un momento di
confronto sulle nuove modalità operative adottate dagli enti locali e dai
soggetti del privato sociale 
per rispondere ai bisogni dei
cittadini stranieri in forte condizione di marginalità. 
In tale contesto è
stato presentato il Progetto I.C.A.R.E., con un focus specifico sulla
riprogettazione delle attivitá progettuali in fase emergenziale.

 
 
 

 

ICARE per l'Emergenza Covid19



Infografica realizzata in fase emergenziale, per sensibilizzare la popolazione target all’adozione disani stili di vita per affrontare al meglio la fase di lockdown.

 
 

 

ICARE per l'Emergenza Covid19


Cartellonistica prodotta da Bologna per la diffusione delle informazioni su COVID19 per Richiedenti e Titolari di Protezione Internazionale (RTPI) e Minori Stranieri Non Accompagnati (MSNA)