Percorsi Nazionali

L’accessibilità ai servizi sanitari e sociosanitari è considerata uno degli indicatori primari del livello di integrazione dei migranti, essendo la popolazione migrante caratterizzata da una condizione di svantaggio nell'accesso ai servizi, dovuta a difficoltà di tipo linguistico, di comprensione di diversi codici culturali e organizzativi ed infine anche ad una diversa percezione del rischio/malattia.  Il progetto I.C.A.R.E. mira all’adozione di un approccio di sistema e di un metodo di intervento comune fra tutte le Regioni partecipanti.
Per questo, grazie alle azioni progettuali, saranno realizzati, sul territorio nazionale, percorsi integrati interdipartimentali e multidisciplinari specificamente dedicati e culturalmente orientati al fine di:
 • Migliorare la fase di accoglienza e ottimizzare l’accesso ai servizi sanitari territoriali, predisponendo interventi multidisciplinari che tengano conto delle best practice attuate nelle diverse Regioni;
 • Garantire l’implementazione degli interventi trasversali e il monitoraggio delle attività progettuali su territorio nazionale, in modo da assicurare una risposta il più possibile omogenea e di sistema che diventi modello su tutto il territorio nazionale, mettendo a sistema processi organizzativi di accoglienza e cura, tempestivi e specifici, rivolti ai titolari e/o richiedenti di protezione internazionale, casi speciali, umanitari e minori stranieri non accompagnati in condizione di vulnerabilità sanitaria;
 • Creare percorsi mutidisciplinari ad hoc per rispondere in modo appropriato e tempestivo ai diversi bisogni di salute della popolazione target. 

Al termine del progetto, sará fornita evidenza documentale della definizione di un percorso integrato multidisciplinare di assistenza territoriale ai  titolari e/o richiedenti di protezione internazionale, casi speciali, umanitari e minori stranieri non accompagnati, unico, a valenza nazionale, che rispecchi le specificità locali, nel pieno rispetto delle linee guida nazionali